Il Golpe Borghese: un golpe virtuale all’italiana?

Radio NoBorder è lieta di ospitare il podcast di un evento organizzato dal collettivo O45 di Berlino in occasione del cinquantesimo anniversario del tentato colpo di Stato di Junio Valerio Borghese, svoltasi il 6 dicembre 2020. Di seguito la descrizione dell’evento tratta in gran parte dal sito del collettivo (O45 https://collettivo45.noblogs.org/).

Nella notte tra il 7 e l’8 Dicembre 1970 – esattamente mezzo secolo fa – si svolge l’operazione in codice “Tora Tora”. Alti gradi dell’esercito, carabinieri e servizi segreti, figure di rilievo dell’imprenditoria e diverse centinaia di militanti delle organizzazioni neofasciste Avanguardia Nazionale e Fronte Nazionale, in dialogo con l’ambasciata USA e con l’avallo dell’Ufficio Affari Riservati del Ministero degli Interni, arrivano a un passo dall’attuazione di un piano di colpo di stato ispirato a quello dei colonnelli greci di appena tre anni prima. Il coordinamento dell’operazione venne attribuito a Junio Valerio Borghese, di discendenza aristocratica, ex comandante della Decima Mas che aveva combattuto contro la Resistenza partigiana a fianco della Wermacht fino alla fine della guerra e figura di collegamento tra la generazione della Repubblica di Salò e le nuove leve del neofascismo. Il piano prevedeva la sospensione della democrazia parlamentare, l’arresto e la deportazione di centinaia di esponenti della sinistra e del sindacato in una base militare in Sardegna e la nomina al governo di un politico di fama internazionale che doveva garantire la stabilizzazione di un governo dittatoriale (se non sapete già di chi si tratta, non vi roviniamo la sorpresa).

L’incontro prende le mosse da due interventi introduttivi. Il primo sul contesto in cui il golpe maturò: il suo rapporto con la strage di Piazza Fontana, con la stagione di conflitto sociale e agitazione operaia dell’Autunno ’69, l’avvicinamento costante del PCI all’area di governo, l’attivismo della destra neofascista e i suoi rapporti con i servizi segreti, le strutture coperte della guerra non ortodossa al comunismo composte di militari e civili sostenute dall’oltranzismo atlantico, il primo anno della presidenza Nixon in USA con Kissinger segretario di stato, le relazioni tra l’Italia e la Grecia dei colonnelli. Il secondo ricostruisce invece la notte di Tora-Tora, offrendo alcune note biografiche sui protagonisti del tentato golpe. Segue una discussione aperta con diversi interventi, in cui vengono toccati molti punti diversi.

L’evento si inserisce In continuità con l’evento del 2 Agosto 2020scorso – “Dal paese dei servizi segreti deviati” – in occasione del quarantesimo anniversario della strage della Stazione di Bologna (qui un resoconto: https://collettivo45.noblogs.org/post/2020/09/25/un-resoconto-dellincontro-nella-ricorrenza-dei-40-anni-dalla-strage-di-bologna-dal-paese-dei-servizi-segreti-deviati/). L’intenzione di questo ciclo di eventi non si esaurisce tuttavia in una politica delle ricorrenze. Queste iniziative stanno prendendo forma in un progetto di Laboratorio di ricerca storica aperto a tutt* su un piano di autoformazione, condivisione di conoscenze e di formazione metodologica utile ad affinare e socializzare una capacità di affrontare letture politiche complesse da applicare al presente storico.

Il Golpe Borghese: un golpe virtuale all’italiana?

 
 
00:00 / 1:30:40
 
1X